Nato nel 2001 il Tony Clifton Circus vuole essere un’insegna luminosa, con lampadine colorate e ad intermittenza, utile a segnalare la presenza di qualcosa di inatteso. Il progetto Tony Clifton Circus nasce da una causa scatenante, l’incontro con Anthony Jerome Clifton, un artista più o meno sconosciuto, italoamericano, la cui estetica può ridursi a quattro parole “la vita è strana”.
La formazione di questo “Circo dell’anomalia” è responsabilità di Nicola Danesi de Luca e Iacopo Fulgi.
Trovare una poetica, una linea di ricerca costante al lavoro del T.C.C. non è facile, quello che cercano di mettere in scena è la stranezza, l’anomalia;
amano far ridere ma ancor più amano far strozzare la risata in gola allo spettatore. Vogliono essere riconosciuti ed apprezzati
ma pensano che la strada migliore per farlo sia non essere accomodanti, non assecondare le voglie del pubblico, portare davanti agli spettatori
qualcosa che sia imbarazzante più che divertente.
Da queste premesse nascono i loro spettacoli veri e propri esperimenti di comicità estrema o meglio di estremismo comico,
nei quali amano mischiare la più elementare demenzialità alla sottile eleganza poetica. Ma alla base c’è sempre l’irrazionale godimento che nasce dal mettere in scena tutto questo...
da lì nasce tutto dal piacere di giocare come bambini e come bambini non chiedersi perchè nè tanto meno cosa significa... fare quello che pare e piace per loro è la cosa più importante e vederglielo fare, state certi,
non è per nulla rassicurante.
Con Amore e anche un pò di Odio.
Tony Clifton Circus

1902
barbie bruciate
24K
ore di viaggio
3712
ore in scena
1999
dal
the wonderful adventures of the Marx Brothers

Das Kapital

Karl Marx parla Italiano con accento tedesco, parla anche altre lingue con accento tedesco. Parla tedesco solo quando si incazza. Karl Marx è vestito con una casacca ed una pancia finta di babbo natale. Poi ha jeans e le scarpe da ginnastica. Karl Marx puzza come un punk a bestia. Karl Marx beve le birrette. Le birrette le tiene al fresco nella sua pancia finta del costume. Ogni tanto ne tira fuori una e se la beve. le prende della pancia e poi le beve in ciclo infinito. Karl Marx è un accattone, è una zecca comunista. Karl Marx ha un bicchiere di cartone della coca cola per fare la mancia, ma in realtà lui ha un pos per carta di credito tra le mani, nel bicchiere ci mette solo gli scontrini. Karl Marx chiede i soldi al pubblico ed è la voce narrante di questa storia, Friedrich Marx è Fredrich Engels ma per ragioni di lavoro ha cambiato cognome. Friedrich parla poco molto poco e quando lo fa parla in francese. Friederich Marx è vestito con un vestito elegante un completo da uomo ed ha un vistoso orologio d’oro. Friederich è fissato con la fica, non con le donne ma con la parola fica. Declina la vita in ragione di questa parola, valuta la vita che con questo termine. Groucho Marx parla in inglese, borbotta in inglese. Groucho borbotta sempre, con voce profonda. Groucho da ”grouchy" (brontolone), Groucho adora la cucina inglese ed ha l’insolito hobby di coltivare insalata. Groucho è anche un cantante quando è ubriaco gli piace esibirsi in pubblico. Anche Groucho beve birre ed altro, fuma pure delle volte. I fratelli Marx sono un trio di saltimbanchi che vogliono fare solo il loro lavoro, perchè prima finiscono il lavoro prima potranno finalmente tornare alla loro vita. Ma il lavoro in realtà non finisce mai , non c’è probabilmente nulla dopo il lavoro, non c’è altro che il lavoro. Ma i tre fratelli non si danno per vinti, il loro lavoro diventa come una missione: vivono per dimostrare che se esiste un lavoro , il lavoro può finire un giorno. E magari il giorno dopo inizia la vita. Fino ad oggi non è mai successo, non è mai finito il lavoro. e non è mai iniziata la vita. Delle volte, nei momenti difficile i fratelli Marx hanno paura che un giorno il lavoro finisca davvero, ed allo stesso tempo, a forza di lavorare, incominciano ad avere seri dubbi che dopo il lavoro ci sia veramente qualcos’altro. I fratelli Marx sono stanchi di questi paradossi , sono stanchi di questa epopea, di questa ovvietà di questo salmo religioso banale. Sono stanchi di raccontarlo e di viverlo. Sono stanchi dell’ovvietà delle cose. Il solo modo che i fratelli Marx trovano per rompere questi dubbi è applicare la logica della rivoluzione. Rompere la catena. Ed è cosi che decidono di uccidersi.

Scheda Tecnica

far ridere è una cosa seria

HULA DOLL

Hula Doll, uno spettacolo di comicità estrema o meglio di estremismo comico, in bilico tra il nonsense e la performance provocatoria.
In scena due clowns acidi, un musicista e un mucchio di oggetti si abbandonano alle loro fantasie ludiche non meno che al loro istinto nero. Ne viene fuori un disordinato mosaico di libertà e frustrazione, risate viscerali e pugni allo stomaco, poesia tramutata in sangue e stupidità estremizzata fino a divenire pensiero.
Lo spettacolo si snoda attraverso provocazioni verbali e azioni apparentemente assurde con lo scopo di creare una situazione progressivamente sempre più disarmante, tanto da poter indurre nel pubblico uno stato di coinvolgimento tale da fargli credere che tutto, nel teatro come nella vita, e’ possibile.È come se la gente voglia essere rassicurata, coccolata, distratta e preferisca vedere qualcosa di già conosciuto o almeno di riconoscibile, qualcosa che le permetta di spegnere il cervello ed assumere una rilassante posizione passiva ed un pò ebete. Se una persona va in strada e incontra uno spettacolo e si ferma a guardare o addirittura paga un biglietto, forse si merita qualcosa di diverso. Idealmente dedicato a Tony Clifton, munifico impresario italoamericano e a Leo Bassi, clown performer inimitabile, Hula Doll è uno spettacolo di difficile catalogazione, la sua comicità vuole essere spazzatura, la sua drammaticità sfiora la pornografia intellettuale.

Scheda Tecnica

i clown più odiati dalle mamme italiane

RUBBISH RABBIT

Abbiamo vissuto per anni facendo ridere le persone e ci è sempre sembrato il lavoro più bello che potessimo fare... Noi ci divertivamo, le persone che ci incontravano si divertivano e per di più eravamo pagati. Poi abbiamo cominciato a non divertirci più, essere clown è diventato mestiere, un lavoro come un altro ed è stato inevitabile chiederci... PERCHE' CONTINUIAMO??? La nostra frustrazione è aumentata nel vedere che per gli altri, il pubblico, gli organizzatori, i colleghi... andava tutto bene! Tutto bene... i vecchi trucchi, le vecchie magie, le vecchie battute, le routine ripetute migliaia di volte... E poi, è assurdo chiedere ad un clown sicurezza...un clown non è un orsacchiotto di peluche, un clown è un pazzo, un diverso, un libero. Questo può regalare, o meglio vendere, pazzia, diversità, libertà. Così cerchiamo di essere in Rubbish Rabbit pazzi, diversi, liberi. In questa ansia di cambiare abbiamo trovato, del tutto inconsciamente, dei modelli eccezionali: i bambini. Loro sono pazzi, diversi, liberi, almeno prima di essere trasformati in piccoli e stressati consumatori teledipendenti. E cosa fanno i bambini se lasciati soli: casino, rumore, distruzione. Ecco, si... nel nostro spettacolo questo vogliamo: essere bambini... fare quello che ci passa per la testa senza preoccuparci del perché!!! Per questo in Rubbish Rabbit rompiamo la maggior parte delle cose che ci passano per le mani, ci spariamo, ci buttiamo per terra, balliamo, facciamo la lotta con il nostro peluche gigante... semplicemente perché è la cosa che ci fa divertire di più, e state certi... vedercelo fare non sarà per nulla rassicurante.

Scheda Tecnica

una missione segreta e sovversiva

MISSION ROOSEVELT

Questa è un'esperienza o forse meglio un esperimento, voi ne sarete allo stesso tempo attori, cavie ed unici fortunati beneficiari.
In MISSIONE ROOSEVELT vogliamo attraversare uno spazio urbano, fare un percorso e lasciare un segno, una traccia colorata al suolo. Vogliamo condividere con voi il piacere del proibito, il piacere di utilizzare un oggetto tabù.
La sedia a rotelle è lo strumento e l’oggetto di MISSIONE ROOSEVELT, il simbolo di tutto ciò che non ci riguarda oggi si fa nostro, la metafora dello svantaggio attraverso la quale conquistare la città.
Un’esperienza urbanistica, una performance partecipata in cui il pubblico,accomodato su una sedia a rotelle, si trasforma in un piccolo plotone, una gioiosa macchina da guerra.

produzione Tony Clifton Circus co-produzione Lieux Publics - con il sostegno di SACD / Auteurs d’espace publique, La Paperie – Centre National des Arts de la Rue d’Angers, L’Atelline – Lieu de Fabrique Arts de la Rue Languedoc-Roussillon - Productions Bis

Scheda Tecnica

la morte di babbo natale eutanasia di un mito sovrappeso

CHRISTMAS FOREVER

Babbo Natale è un santo, è un vecchio, è come Dio. È un saggio. Lui è un supereroe. È una pubblicità. È il simbolo assoluto della tendenza al consumismo smoderato. È una delle divinità dell'Olimpo dell'immaginario collettivo. Ma è anche un sogno infantile preconfezionato, deprimente, sfruttato volgarmente. Come il mondo di oggi: il nostro mondo non è deprimente a causa di guerre, terrorismo, povertà o arroganza del potere, ma è a causa della scomparsa della magia, il sogno, l'infanzia, la favola... Ogni bambino, quando scopre che Babbo Natale non esiste, capisce che sta crescendo, e che quindi le cose non sono così belle e magiche come prima. Questa è una delle prime delusioni della vita, uno dei primi miti a crollare, la fine della poesia, la morte della favola... un passo fondamentale per entrare in una società basata sul nulla. Ma in tutto questo, Babbo Natale, come si sente? Cosa pensa veramente del suo lavoro? Crede in se stesso? Cosa fa Babbo Natale quando non è Natale? Lui deprime? Trascorre giorni felici su una spiaggia caraibica? Sicuramente nessuno lo riconosce senza il suo vestito rosso ... Probabilmente conduce una vita come molti altri... probabilmente è uno di noi...
Produzione Tony Clifton Circus co-produzione e residenze: ZTLpro (Italie), AREA06 - Rome (Italie), Soliera Arti Vive Festival - Modène (Italie), Armunia - Festival Costa degli Etruschi (Italie), Lieux Publics - Marseille (France), Les Ateliers Frappaz -Villeurbanne (France), Le Fourneau - Brest (France)

Scheda Tecnica

esperimento mediatico di meditazione sul Teatro e anche no, per mezzo televisivo

Cagnara TV

Cagnara TV è un esperimento dell’uso del mezzo televisivo come strumento di comunicazione spettacolare. Il contenuto di questa Televisione libera, anche troppo libera, è l’osservazione dell’oggetto teatro da un punto di vista scettico. L’idea di creare un programma tv sul teatro o più in generale sullo spettacolo dal vivo e sul mondo che gli gira intorno nasce dalla considerazione che in Italia non c’è nulla di più reale della Televisione e non c’è nulla di più finto del Teatro. L’obiettivo, quindi, è di trasformare in reale un linguaggio “finto” come quello teatrale attraverso un linguaggio ormai universale e quindi “vero” quale quello televisivo. Il palinsesto della trasmissione è dettato dagli avvenimenti del festival, Spettacoli, Artisti, Pubblico, Dibattiti, Incontri pubblici e privati, ma anche dall’osservazione del luogo dove l’evento è ospite. Tutto verrà commentato e riletto con una linea guida che è il desiderio di cronaca e testimonianza, ovviamente ed inevitabilmente, mediato dall’incapacità di uscire dal meccanismo egocentrico di mettere in scena la propria visione delle cose e delle persone.

Scheda Tecnica

a normal super-hero performance

SPIDERMAN IS BACK IN TOWN

Un improbabile Spider Man, patetico e disfatto, è sospeso a un'altezza di poche decine di centimetri da terra, stretto con un rotolo di cellophane su una colonna nel bel mezzo di una paesaggio urbano. L'immagine ha una forza immediata, allo stesso tempo poetica e terribile, ma il vero spettacolo è nella reazione dei passanti, incoraggiati da un badante/bodyguard che accompagna il supereroe, a sfruttare l'incredibile opportunità di confrontarsi con la normalità della sconfitta dell'invincibile.

Scheda Tecnica

Video

 

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29

Gallery

18ok
1502_670269532990048_411764234_n
2016-MG-4373-7Dmedium_large.1466585442
10162_4943643349067_646696230_n
19097_4981763222040_1011490395_n
21252_10200131836438829_1165996232_n
24193_1256371289570_6401756_n
24193_1256371489575_8024479_n
58895_4950780767498_1583514626_n
64711_10201767156246879_1358456772_n
66626_4725248889342_883152008_n
181042_4892175342399_1162192018_n
251837_3547865215486_697531823_n
291840_2104849660999_561272023_n
292990_3108475071007_1011777411_n
298527_2096754938636_65856077_n
309868_2096752498575_571896173_n
312544_2096754418623_737624568_n
320874_2101747023435_310561020_n
379222_4546433979081_974076944_n
399925_10200144022063462_1794563052_n
417023_558868890796780_1620032425_n
423461_3709800823775_138903415_n
427167_3724552552559_670370858_n
480182_4729685880264_228962057_n
480639_4802593422907_1695658908_n
481715_4326604923492_386632803_n
483994_4915090995276_777341693_n
484924_4222814168788_2132158568_n
526049_4366840329352_1536583006_n
530160_3203074795941_1210725805_n
532626_3644897281227_1204548479_n
536673_3203096356480_1565057496_n
540677_4999431303731_94924022_n
548703_3108477511068_142418629_n
936506_10201368420432656_1819636061_n
970646_10200893383113563_1609021012_n
996817_10200551402287713_426230151_n
1000533_10200378935096141_2006593734_n
1013396_10200414910315499_1212102799_n
1236706_10200777739706007_1511824396_n
1395159_10201062177056763_168838712_n
1463914_10201391490129384_621131075_n
1466200_10201453083429178_1191018239_n
10351682_10203645023586312_8290693556425736788_n
10470937_10202516862542991_9199084476808403343_n
11009920_10205348660936181_2734835021655028774_n-1
11061765_10204296538753784_4424997699718594310_n
11075125_10204305372254616_335187137439566524_n
11885096_10205205905247378_8918853899609010389_n
11891238_737733159670005_7647646613025567330_n
11898584_737733479669973_1748316698514609982_n
13254262_10206918496821097_4775893278003196243_n
17342823_10209334255693559_3110983696094346729_n
18199385_10209749300469419_3518382794151485332_n
18341999_10209802275473761_87554775942664910_n
18402960_10209811542225424_2876371032236169745_n
18403068_10209788383006458_1737548859992797438_n
18403648_10209826493399194_5306641426500124590_n
18425240_10209836078638819_3515504068867689471_n
18446947_10209849542775414_7424317703673394296_n
22449627_10155965164013689_3661201778589802639_n
25398670_10211487222996396_3436989120149250013_n
26904590_10211777377330073_3650030499234063528_n
33839861_10212686704422682_5560251256808669184_n
33923846_10212686706142725_1982524648629207040_n
33943968_10212686705502709_5087923953691787264_n
36285479_10212891983514531_7431191418137214976_n
36291782_10212891976034344_6741160250079969280_n
38614995_10213164388364482_5877775173934907392_n
38866639_10213198587819447_5106050725725601792_n
39227125_10156086276344006_8604611599057027072_n
40240068_2320382177977410_8164213477955600384_n
40376948_10213316486926851_8481406824333967360_n
41045734_10213362764643765_8990171964270182400_n
41107294_10155635744931911_1090420539220033536_n
41514560_10213396917337561_5915235088416636928_n
41518489_10213401761298657_3216649596662972416_n
41748714_1816285801824891_1557858795164532736_n
43313646_10213554041825575_6406058440560476160_n
49948222_10214212086036269_5524157197761642496_n
50076737_10214212087036294_6979834490411548672_n
50455483_10214252588288800_66002188366774272_n
50874054_10214252587368777_9142649947592589312_n
7357405540_d702555a35_z
8630142613_22a8071d03_b
8630142999_eb29a679e2_b
8630146031_346eaf7b9a_b
8631252826_b56d44c79c_b
8631253834_3caae68c99_b
10801092485_dfb479fa8f_z
10801301443_2f6f6fa620_z
10801376653_0556f96541_z
16711487980_d1b1515ede_z
16712849239_52bfcea071_z
16897800222_9fc72b56e6_z
16898778025_ebf73b3182_z
20072291570_dc6a5170aa_z
20072539188_617ab98fe5_z
20073678479_64585cbbcf_z
18ok 1502_670269532990048_411764234_n 2016-MG-4373-7Dmedium_large.1466585442 10162_4943643349067_646696230_n 19097_4981763222040_1011490395_n 21252_10200131836438829_1165996232_n 24193_1256371289570_6401756_n 24193_1256371489575_8024479_n 58895_4950780767498_1583514626_n 64711_10201767156246879_1358456772_n 66626_4725248889342_883152008_n 181042_4892175342399_1162192018_n 251837_3547865215486_697531823_n 291840_2104849660999_561272023_n 292990_3108475071007_1011777411_n 298527_2096754938636_65856077_n 309868_2096752498575_571896173_n 312544_2096754418623_737624568_n 320874_2101747023435_310561020_n 379222_4546433979081_974076944_n 399925_10200144022063462_1794563052_n 417023_558868890796780_1620032425_n 423461_3709800823775_138903415_n 427167_3724552552559_670370858_n 480182_4729685880264_228962057_n 480639_4802593422907_1695658908_n 481715_4326604923492_386632803_n 483994_4915090995276_777341693_n 484924_4222814168788_2132158568_n 526049_4366840329352_1536583006_n 530160_3203074795941_1210725805_n 532626_3644897281227_1204548479_n 536673_3203096356480_1565057496_n 540677_4999431303731_94924022_n 548703_3108477511068_142418629_n 936506_10201368420432656_1819636061_n 970646_10200893383113563_1609021012_n 996817_10200551402287713_426230151_n 1000533_10200378935096141_2006593734_n 1013396_10200414910315499_1212102799_n 1236706_10200777739706007_1511824396_n 1395159_10201062177056763_168838712_n 1463914_10201391490129384_621131075_n 1466200_10201453083429178_1191018239_n 10351682_10203645023586312_8290693556425736788_n 10470937_10202516862542991_9199084476808403343_n 11009920_10205348660936181_2734835021655028774_n-1 11061765_10204296538753784_4424997699718594310_n 11075125_10204305372254616_335187137439566524_n 11885096_10205205905247378_8918853899609010389_n 11891238_737733159670005_7647646613025567330_n 11898584_737733479669973_1748316698514609982_n 13254262_10206918496821097_4775893278003196243_n 17342823_10209334255693559_3110983696094346729_n 18199385_10209749300469419_3518382794151485332_n 18341999_10209802275473761_87554775942664910_n 18402960_10209811542225424_2876371032236169745_n 18403068_10209788383006458_1737548859992797438_n 18403648_10209826493399194_5306641426500124590_n 18425240_10209836078638819_3515504068867689471_n 18446947_10209849542775414_7424317703673394296_n 22449627_10155965164013689_3661201778589802639_n 25398670_10211487222996396_3436989120149250013_n 26904590_10211777377330073_3650030499234063528_n 33839861_10212686704422682_5560251256808669184_n 33923846_10212686706142725_1982524648629207040_n 33943968_10212686705502709_5087923953691787264_n 36285479_10212891983514531_7431191418137214976_n 36291782_10212891976034344_6741160250079969280_n 38614995_10213164388364482_5877775173934907392_n 38866639_10213198587819447_5106050725725601792_n 39227125_10156086276344006_8604611599057027072_n 40240068_2320382177977410_8164213477955600384_n 40376948_10213316486926851_8481406824333967360_n 41045734_10213362764643765_8990171964270182400_n 41107294_10155635744931911_1090420539220033536_n 41514560_10213396917337561_5915235088416636928_n 41518489_10213401761298657_3216649596662972416_n 41748714_1816285801824891_1557858795164532736_n 43313646_10213554041825575_6406058440560476160_n 49948222_10214212086036269_5524157197761642496_n 50076737_10214212087036294_6979834490411548672_n 50455483_10214252588288800_66002188366774272_n 50874054_10214252587368777_9142649947592589312_n 7357405540_d702555a35_z 8630142613_22a8071d03_b 8630142999_eb29a679e2_b 8630146031_346eaf7b9a_b 8631252826_b56d44c79c_b 8631253834_3caae68c99_b 10801092485_dfb479fa8f_z 10801301443_2f6f6fa620_z 10801376653_0556f96541_z 16711487980_d1b1515ede_z 16712849239_52bfcea071_z 16897800222_9fc72b56e6_z 16898778025_ebf73b3182_z 20072291570_dc6a5170aa_z 20072539188_617ab98fe5_z 20073678479_64585cbbcf_z

Contattaci

Via dei Prati Fiscali 215

00141

Roma Italia

+39 3495557720  +33 646444053